La cannabis legale: una panoramica

Acquistare l’erba legale in Italia è un’operazione assolutamente fattibile. La cannabis legale non è altro che le infiorescenze cresciute in piantagioni che non fanno uso di pesticidi, diserbanti, fertilizzanti e di tutti gli altri elementi chimici che andrebbero a influenzare negativamente sulla crescita e sviluppo della canapa.   Secondo la legge 242/2016 approvata nel dicembre 2016 la sua produzione e commercializzazione sono legali in Italia se la cannabis ha un contenuto di THC (ossia il principio attivo) che non supera lo 0,6%.

Si tratta di un trend incontestabile: dopo la recente legalizzazione della cannabis light, è esploso il boom dell’erba legale in Italia, con la nascita di un vero e proprio mercato che sta modificando esponenzialmente le abitudini di consumo di moltissimi. Il cannabidiolo contenuto nella cannabis legale è salito alla ribalta negli ultimi anni proprio per i suoi effetti benefici: infatti è in grado di interagire con le cellule ricettrici del sistema nervoso umano. Provoca effetti rilassanti, anticonvulsivanti, antidistonici, antiossidanti, antinfiammatori. La cannabis legale viene venduta confezionata e ogni varietà si distingue dalle altre per genetica e diverso contenuto dei principi attivi presenti (THC e CBD).

Il CBD invece è in un certo senso il gemello buono del THC, non ha un effetto psicoattivo bensì offre potenti proprietà medicinali che sono di grande aiuto nel riuscire a trattare patologie di vario tipo come l’artrite, ma anche gli stati d’ansia, le convulsioni e addirittura il diabete. Come ben sanno i consumatori, ogni varietà di marijuana light che troviamo in vendita è diversa dalle altre. Realizzata da coltivazioni indoor e green house, la cannabis legale è sinonimo di sicurezza ed alta qualità. Queste coltivazioni garantiscono un maggior controllo dell’ambiente in cui le piante crescono. La cannabis legale per uso tecnico o da collezionare si può acquistare da chiunque abbia compiuto i 18 anni di età.